Geografia dell'Egitto

Un aiuto per conoscere il Paese e pianificare il viaggio

Conoscere la geografia dell’Egitto Vi aiuterà a organizzare meglio il vostro viaggio, poiché si tratta di un Paese dalle dimensioni enormi e dai grandi contrasti paesaggistici. E a volte senza alcuna continuità dall’uno all’altro, passando da aride terre desertiche alle fertili pianure del Nilo o al tipico paesaggio costiero del Mediterraneo e del Mar Rosso, per citare alcuni esempi. Per questo motivo, in queste righe spieghiamo dove l’Egitto èI confini del Paese, le sue principali regioni naturali e la sua divisione amministrativa. Vi aiuterà a formare una mappa mentale prima di partire per la terra dei faraoni!

Indice dei contenuti

Dove si trova l'Egitto

Incastonato tra due continenti: questa è la posizione originaria dell’Egitto.. La maggior parte del suo territorio si trova nell’angolo nord-orientale dell’Africa, mentre l’altra parte (penisola del Sinai) è già in Asia. Il suo territorio si estende per oltre un milione di km2Si tratta di circa il doppio della Spagna. Confina con quattro Paesi:

  • Est: con la Palestina e la Striscia di Gaza. Si tratta di una linea più o meno retta che va da Rafah, sulla costa mediterranea, a Taba, nel Golfo di Aqaba.
  • A sud, con il Sudan: anche questa è una linea quasi interamente retta, tracciata principalmente sul parallelo 22° N.
  • A ovest, con la Libia: una linea retta tracciata sul 25° meridiano E che attraversa interamente il deserto del Sahara.

La curiosità per i confini che tracciano la geografia dell’Egitto è che la sua punta sud-occidentale è un trifinio, cioè un punto in cui si incontrano i confini di tre Paesi diversi: il Sudan, la Libia e lo stesso Egitto. Un punto non è stato scelto a caso, perché è ricco di simbolismi: il Monte Uweinat, con incisioni preistoriche su arenaria che raffigurano animali (giraffe, gazzelle, struzzi, ecc.) e figure di animali, realizzate dai Boscimani decine di migliaia di anni fa.

Inoltre, un’altra importante caratteristica dell’Egitto è la geografia dell’Egitto è l’importanza delle sue coste: quasi 2.500 km in totale. Sono bagnati dalle acque di due mari diversi: il Mar Mediterraneo a nord e il Mar Rosso a est del Paese, nella parte africana e in quella asiatica. Questi due mari sono tra l’altro collegati dalla straordinaria impresa ingegneristica del Canale di Suez, pietra miliare della navigazione marittima mondiale nel 1869.

Dove si trova l'Egitto

Geografia dell'Egitto: regioni principali

Al di là della suddivisione amministrativa del Paese, illustrata di seguito, la geografia di geografia dell’Egitto può essere suddivisa in grandi regioni naturali, molto diverse tra loro e tutte di grande interesse turistico. È essenziale conoscerli e sapere dove trovarli, poiché la terminologia è molto varia e può talvolta generare confusione. Inoltre, la conoscenza di queste regioni vi consentirà di decidere autonomamente le destinazioni da visitare o l’itinerario da seguire nel vostro tour. Essi sono i seguenti.

Il Delta del Nilo o Basso Egitto

È il grande pezzo di terra che si forma alla foce del fiume Nilo. Quando lo vediamo su una mappa del geografia dell’EgittoSi vede che ha un aspetto triangolare. E questo è il motivo del suo nome, che gli fu dato dagli antichi greci: Delta, come la lettera dell’alfabeto greco (Δ), poiché ha la stessa forma, anche se invertita.

Questa forma particolare è dovuta al fatto che il fiume Nilo si divide a nord del Cairo in due rami quasi simmetrici: il ramo di Rosetta e il ramo di Damietta. La distanza tra una foce e l’altra è di circa 160 km. Ma per calcolare la sua lunghezza totale, si usa come riferimento Alessandria d’Egitto all’estremità occidentale e Port Said all’estremità orientale: il risultato è una distanza di circa 240 km tra i due punti.

In direzione nord-sud, dall’estremità settentrionale sulla costa mediterranea alla sua biforcazione alla periferia del Cairo, la distanza è di circa 160 km. Questo lo rende uno dei più grandi delta fluviali del mondo. La terra lungo entrambi i lati di questi rami è molto fertile per l’agricoltura, in netto contrasto con le aride terre desertiche circostanti.

Proprio per questo motivo, questa regione naturale è, a sua volta, un’area altamente popolata in termini totali, essendo tra le più densamente popolate. Si stima che qui vivano 40 milioni di persone, pari a circa il 40% della popolazione del Paese, con un tasso di 1.000 abitanti per metro quadro.2 fuori dalle aree urbane e più di 50.000 abitanti per m2 in alcune città. Oltre ad Alessandria e alla Porta di Said, altre città importanti sono Tanta, El Mensura, Damanhur e Zaqaziq.

Zona centrale: Il Cairo

IlCairo, la capitale del Paese, è una megalopoli le cui dimensioni e la cui importanza la rendono una regione a sé stante all’interno della geografia egiziana. geografia dell’Egitto. Non solo in termini amministrativi, essendo costituita come governatorato a sé stante, ma anche in termini di paesaggio urbano: si tratta di un’enorme metropoli, con uno skyline di grattacieli e minareti di moschee, dove il tessuto metropolitano si perde all’orizzonte, fin dove gli occhi del viaggiatore non riescono ad arrivare. Il suo sviluppo ha subito una forte accelerazione negli ultimi decenni, dando origine a quella che molti esperti chiamano la “crisi”.
iperubanizzazione
.

Secondo il censimento ufficiale, il Cairo conta circa 8 milioni di abitanti nell’area municipale, ma la cifra sale a 16 milioni se si conta anche l’area metropolitana (altre fonti parlano di 20 milioni). Si tratta della più grande concentrazione urbana di tutta l’Africa e una delle più grandi del mondo.

Tradizionalmente, quest’area è considerata il centro del Paese, anche se se si osserva una mappa della geografia dell’Egitto non è esattamente al centro del Paese. Tuttavia, è così chiamata perché è il collegamento tra il Delta del Nilo e l’Alto Egitto. Il suo terreno è simile al loro in termini di fertilità, ma il suo sviluppo urbano è tale che la sua attività non è più legata all’agricoltura, ma al settore dei servizi: è il centro finanziario ed economico del Paese.

Questo grande epicentro dell’Egitto contiene anche altre città che ospitano alcune delle grandi attrazioni turistiche del Paese, come le piramidi di Giza, la piramide di Saqqara e la necropoli di Memphis (oggi parte della città di Mit Rahina). Oltre a tutte le attrazioni della capitale, tra cui il Museo Egizio e il centro storico del Cairo, i nostri tour prevedono una tappa molto importante lungo il percorso.

Alto Egitto

L’Alto Egitto è una regione naturale molto stretta ma molto lunga.È formata dalla fertile valle del Nilo, da circa l’oasi del Fayum (a sud dell’antica Memphis) fino alla prima cascata di questo grande fiume (vicino alla città di Assuan), per una lunghezza totale di 850 km. Su entrambi i lati del letto del fiume si trova l’area fertile della pianura fertile, che si estende tra 1 km e 20 km in direzione lineare, a seconda del tratto.

È importante non confondere il concetto di Alto Egitto con quello di Alto Nilo: quest’ultimo termine si riferisce al primo tratto del fiume, che in realtà non fa parte della geografia dell’Egitto.Il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro sono due rami (Nilo Bianco e Nilo Azzurro) che attraversano l’Africa orientale (Etiopia, Uganda, Tanzania, Kenya, ecc.) e si incontrano a Khartoum (Sudan). Il Basso Nilo, invece, è il nome dato all’intero corso del fiume in territorio egiziano che, anche se non sembra, rappresenta solo una piccola parte del percorso totale di questo grande fiume, lungo più di 6.800 km dalla sorgente.

Questa regione è anche una delle più attraenti della geografia egiziana.La cosa più importante non sono solo i numerosi monumenti conservati del periodo dell’Antico Egitto, ma anche il modo affascinante in cui possono essere scoperti: a bordo di navi da crociera, di varie dimensioni, che di solito risalgono le acque da Esna ad Assuan. Questo è precisamente
il nostro itinerario principale
a cui aggiungiamo un fascino particolare: la navigazione in un



dahabiya


lussuosa barca a vela tradizionale.

Medio Egitto

Il Medio Egitto è una distinzione che non si trova su nessuna mappa ufficiale della geografia egiziana.È piuttosto di natura storica: era una suddivisione utilizzata nell’antichità. Tuttavia, è ancora usato in modo informale o non ufficiale dagli stessi egiziani. Questo territorio comprenderebbe le terre della Valle del Nilo dall’oasi del Fayum a nord fino alla città di Asiut a sud.

In termini di turismo, è molto utile fare riferimento al Medio Egitto perché questa parte della Valle del Nilo ospita monumenti storici di enorme valore e città che attirano una moltitudine di visitatori. È il caso di Amarna, Asiut, Abydos e Dendera, oltre alla già citata oasi del Fayum.

In ogni caso, non va confuso con il concetto di Medio Impero Egizio o Medio Regno d’Egitto, che si riferisce solo a un periodo storico dell’Antico Egitto.
L’Antico Egitto
(dal 2050 al 1750 a.C. circa), ma non ha implicazioni geografiche.

Bassa Nubia

La Nubia è una regione storica che oggi fa parte dell’Egitto (Bassa Nubia nel sud dell’Egitto) ma anche del Sudan (Alta Nubia nel nord del Sudan). La Bassa Nubia si trova tra la Prima Cataratta del Nilo e il confine sudanese, molto vicino alla Seconda Cataratta del Nilo (in territorio sudanese). Non rappresenta una divisione amministrativa in quanto tale in nessuno dei due paesi, ma su una mappa di geografia dell’Egitto lo vedrete incorniciato nel Governatorato di Assuan.

È un territorio a cui si fa spesso riferimento durante i viaggi in Egitto, soprattutto durante le crociere sul Nilo, poiché gran parte del suo percorso attraversa il territorio che un tempo apparteneva a quello che era un regno indipendente. Presenta ancora caratteristiche e costumi distintivi, come l’architettura e le lingue antiche, che hanno un grande valore storiografico in quanto l’antica Nubia è considerata una delle culle della civiltà, insieme alla Mesopotamia e all’allora vicino Antico Egitto.

In effetti, la maggior parte dei villaggi della Bassa Nubia è stata sommersa a metà del XX secolo con la costruzione della diga di Assuan. Questo lavoro ha cambiato in modo sostanziale la geografia dell’Egitto Il Nilo è stato arginato nel lago Nasser, innalzando il livello del fiume di diverse centinaia di metri. Ciò ha costretto a spostare la maggior parte dei nubiani egiziani in altre località, ad esempio nell’isola Elefantina di Assuan e in numerose città del Paese.

Pertanto, Oggi la Bassa Nubia è dominata da questo grande lago, che presenta un paesaggio diverso dal resto della Valle del Nilo.Lo specchio d’acqua di questo grande bacino è più ampio e chiuso, senza prati fertili su entrambi i lati, poiché le sue sponde sono più irregolari e, essendo stato generato artificialmente, i suoi terreni non sono alluvionali.

Deserto occidentale

Oltre al Nilo e alle coste marine, il deserto è l’altra grande caratteristica naturale della geografia egiziana.. In realtà ce ne sono due: il più grande è il Sahara Occidentale, che è in realtà la porzione più orientale del deserto del Sahara, che si estende dal confine libico a ovest fino alla riva sinistra del fiume a est. Occupa circa due terzi della superficie totale del Paese, quindi è difficile da immaginare se non ci si è mai stati: si estende per oltre 650.000 km.2 dove è possibile trovare enormi distese di dune dorate, come il Grande Mare di Sabbia, o estrose formazioni geologiche, come il Deserto Bianco, il cui nome riflette questo colore che inganna il turista: sembra un’infinita coltre di neve e alcuni lo chiamano “l’Alaska egiziana”!

Si tratta quindi di un terreno inospitale e arido nella maggior parte del suo territorio, ma perfetto per esperienze legate all’estrema solitudine e tranquillità.come nel caso del viaggi di meditazione e yoga. Il suo silenzio inquietante e il suo cielo puro, limpido di giorno e stellato di notte, sono compagni inseparabili per chi vi entra.

Tuttavia, in questo deserto occidentale emergono, quasi per magia, spettacolari oasi grazie alle riserve d’acqua sotterranee. Per millenni, sono stati elementi molto caratteristici dell’ambiente. geografia dell’EgittoRendono la vita possibile. E per la gioia dei turisti, con paesaggi di sorprendente bellezza. È il caso, ad esempio, della famosa Oasi di Siwa, ma anche di molte altre come Baharia o Dakhla, che la nostra agenzia può accompagnare.

Il deserto orientale (o arabo) e la penisola del Sinai

La geografia dell’Egitto è condizionato anche da un altro grande deserto: il Deserto Orientale o Arabico, che si estende a est del Nilo, inglobando altri Paesi a sud (Eritrea e Sudan), ma anche la Penisola del Sinai, situata dall’altra parte del Mar Rosso. In questo caso, il terreno è ancora più inospitale e arido, poiché non ci sono quasi oasi che forniscano acqua e una fertilità minima alla terra. D’altra parte, ci sono numerosi
wadi
cioè letti di fiumi asciutti che portano acqua solo in alcuni periodi dell’anno o in seguito a piogge occasionali.

Qui il terreno è più aspro e montuoso, con una catena montuosa che presenta i picchi della geografia egiziana.Le cime dello Shaiyb al-Banat (2.187 m.l.m.), ad esempio, si trovano in alcuni casi a 2.000 metri o oltre. Lo stesso vale per l’altra sponda del Mar Rosso, nella Penisola del Sinai, dove le altitudini naturali sono ancora più elevate (Monte Catalina, 2.642 m.l.m.), più spettacolari e più leggendarie, poiché sul Monte Sinai (2.285 m.l.m.)Secondo l’Esodo della Bibbia, Dio diede a Mosè le tavole dei Dieci Comandamenti. Per questo motivo e per alcuni importanti templi (monasteri di Sant’Antonio, Santa Caterina e San Paolo), è un’area di interesse per la cristianità, dove la nostra agenzia organizza
viaggi di pellegrinaggio
.

La penisola del Sinai è facilmente riconoscibile su una carta geografica dell’Egitto.La massa terrestre triangolare è il grande pezzo di terra triangolare che si trova già nel continente asiatico. Per inciso, la penisola è stata restituita al Paese nel 1982 con gli accordi di Camp David firmati con Israele, che l’aveva occupata per un decennio e mezzo.

Il Mar Mediterraneo e il Mar Rosso

Come abbiamo detto, l’Egitto ha quasi 2.500 km di costa, dove il paesaggio naturale e umano cambia notevolmente, come potete immaginare. Entrambe le coste sono il miglior esponente del grande sviluppo turistico raggiunto dal Paese negli ultimi decenni, che è riuscito a diversificare enormemente questo settore: Non è più possibile godere solo del periodo storico dell’Antico Egitto e del trambusto delle pittoresche e vivaci città del Delta e della Valle del Nilo, ma anche di un’atmosfera di grande fascino. È anche molto attraente rilassarsi nelle migliori località di sole e spiaggia in molte parti del mondo. geografia dell’Egitto.

La costa mediterranea è lunga circa 1.000 km nell’estremo nord del Paese. Tradizionalmente un’area trascurata dalle civiltà del passato, essendo lontana dalla fertile Valle del Nilo, veniva utilizzata più che altro come via di transito per mercanti ed eserciti, sia antichi che moderni (tombe della Seconda Guerra Mondiale a El Alamin). Ma, come abbiamo detto, tutto questo è cambiato: il rapporto tra località turistiche e rovine archeologiche cade qui dalla parte delle prime, formando una lunga fila di costruzioni sul lungomare. Ciò avviene soprattutto a ovest del Nilo, mentre a est del Delta, nella fascia della penisola del Sinai, le aree balneari sono meno numerose, meno affollate e più naturali.

Da parte sua, la costa del Mar Rosso costituisce quasi 1.500 km della geografia egiziana.La penisola del Sinai, che si estende sia nella parte africana che in quella asiatica (penisola del Sinai) del Paese. Lo sviluppo del turismo è evidente anche qui, con resort che sorgono ai piedi delle acque calde e cristalline in un clima moderato. Tra le destinazioni più affermate ci sono Hurghada e Sharm el-Sheikh. A queste e ad altre località costiere si aggiunge l’attrattiva del suo fascino sottomarino: è uno dei migliori luoghi al mondo per le immersioni subacquee, con barriere coralline e altri spettacolari esempi di biodiversità marina.

Il Canale di Suez

Tra le coste del Mediterraneo e del Mar Rosso si trova un’opera ingegneristica che può essere definita faraonica: il Canale di Suez. Questo canale artificiale, costruito a metà del XX secolo, collega le acque dei due mari, che si trovano a livelli diversi: il Mar Rosso si trova a 1,2 metri di altezza, ma il suo delicato equilibrio dipende anche dal flusso delle maree.

Per la geografia dell’EgittoIl canale si estende per 163 km in linea retta. Sul lato nord, inizia a Port Said e corre lungo il margine orientale del Delta del Nilo. Nel suo percorso verso sud, si unisce alle acque del Lago Timsah e, soprattutto, del Grande Lago Amaro, per proseguire fino a Suez, la città da cui prende il nome. In tutta questa striscia di terra, e soprattutto nelle città del promontorio, l’economia ruota attorno a questo passaggio chiave del commercio internazionale. Ma anche le rive dei suoi laghi hanno visto nascere il turismo balneare e del sole, ad esempio a Ismailia, che si rivolge principalmente alla popolazione egiziana.

Divisione amministrativa dell'Egitto

Da un punto di vista puramente amministrativo e politico, la geografia di geografia dell’Egitto ha un’altra divisione, che è interessante conoscere anche se sarà meno importante per il vostro viaggio. Lo Stato, costituito come Repubblica araba, è diviso in 27 governatorati, i cui capi (governatori) sono nominati direttamente dal presidente del Paese. In ordine alfabetico, sono le seguenti: Alessandria, Assuan, Asiut, Behera, Beni Suef, Cairo, Dacalia, Damietta, Fayun, Elsharquia, Giza, Ismailia, Kafr el Shaykh, Matru, Menia, Menufia, Elwadi Elguedid, Nord Sinai, Port Said, Caliubia, Quena, Mar Rosso, Gharbia, Suhag, Sud Sinai, Suez e Luxor.

Sono molto diversi l’uno dall’altro, sia in termini di superficie che di numero di abitanti. I più grandi sono, nell’ordine, la Nuova Valle (Elwadi-Elguedid), il Mar Rosso e Matru, che coprono tutti enormi tratti di deserto. Quelli più piccoli, invece, comprendono a malapena il territorio di una città, come Luxor, Port Said o Il Cairo. Tra le più popolose ci sono Il Cairo, Giza, Oriental (o Sharquia), Behera e Dacalia, tutte nella zona centrale o nel Delta del Nilo.Inoltre, come in molti altri Paesi, la geografia dell’Egitto, così come quella del suo geografia dell’Egitto comprende alcuni territori contesi, in questo caso con il Sudan: il Triangolo di Hala’ib e il Triangolo di Bir Tawil. Il primo si trova lungo la costa del Mar Rosso a nord del 22° parallelo, mentre il secondo si trova nell’entroterra e a sud del 22° parallelo. Il Sudan sostiene che il primo, che possiede giacimenti di petrolio sfruttabili, dovrebbe ricadere sotto la sua sovranità e il secondo sotto quella egiziana. L’interpretazione egiziana è opposta e, in definitiva, è il Paese che controlla effettivamente il Triangolo di Hala’ib.

Potreste essere interessati anche a