Kharga

Oasi di Kharga (Kharijah): guida di viaggio con tutte le informazioni necessarie

L’oasi di Kharga (che prende anche il nome di El Kharijah) è, escludendo quello di
El Fayum
è il più grande del Deserto Occidentale, sia in termini di dimensioni che di popolazione. È anche la capitale del Governatorato di Nuevo Valle, l’entità regionale che comprende questa e altre oasi vicine (
Dakhla
Dakhla, Farafra). Non sorprende quindi che qui vi siano interessanti attrazioni culturali, soprattutto dal punto di vista storico e culturale.

Per questo motivo, Egipto Exclusivo ha scritto queste righe come guida affinché sappiate in anticipo cosa visitare e come raggiungere l’oasi di Kharga.oasi di Kharga. E al di là di questa piccola pagina informativa, vi ricordiamo che potete contare su di noi per organizzare un viaggio su misura in cui troverete tutto ciò che vi serve: trasporto privato, guida, alloggio… Siamo un’agenzia con molta esperienza in questo campo!

Indice dei contenuti

Dove si trova l'oasi di Kharga?

L’oasi di Kharga è la più meridionale delle grandi oasi del Deserto Occidentale. In realtà si trova a una latitudine simile a Dakhla (circa 25ºN) e quindi anche a Luxor. Dall’Alto Egitto dista poco più di 220 km in linea d’aria (anche se la distanza stradale è di circa 330 km). A una distanza simile si trova Asiut, in questo caso a nord, sia in linea retta che in auto, poiché questa strada (n. 60) ha un percorso molto più diretto. L’oasi più vicina, Dakhla, si trova invece a circa 170 km a ovest.

Come abbiamo detto, l’oasi di oasi di Kharga è il più grande tra quelli del Deserto Occidentale e si estende per oltre 100 km, principalmente da Baris a Kharga. Tuttavia, il suo verde è piuttosto discontinuo, poiché l’oasi si estende lungo una depressione pianeggiante, tutta attraversata da una strada.

Un po' di storia dell'oasi di Kharga

La storia dell’oasi di Kharga è sempre stata condizionata dalla sua posizione strategica sulle rotte carovaniere: è la prima quando si parte da Luxor in direzione delle altre oasi del Deserto Occidentale. Soprattutto, era un punto di sosta per la rotta dal Darfur (l’attuale Sudan, ex regno di Kush) all’Asiut, su cui venivano trasportati beni importanti come avorio, oro, animali e piante.

Questa via era chiamata Darb El Arba’īn (“La via dei 40 giorni”), in quanto questo era il periodo di tempo stimato per completarla nella sua interezza, e rappresentava una delle principali vie di comunicazione tra il Regno di Kush e l’Egitto.

Sebbene questo percorso fosse già conosciuto e sfruttato fin dai tempi dell’Antico Impero, fu durante il periodo greco-romano che si sviluppò un importante piano difensivo: furono costruite numerose fortezze e torri di avvistamento, di cui rimangono ancora molte vestigia.

Data l’importanza delle necropoli cristiane conservate e le dimensioni dei loro monasteri, si può immaginare che i periodi tardo-romano e bizantino siano stati tra i più prosperi e di successo in Egitto. Non è un caso che il leader cristiano Nestorio, patriarca di Costantinopoli, che non contemplava la verginità di Maria, sia stato deportato nella oasi di Kharga dopo essere stato considerato un eretico, morì nel 451 d.C..

Come raggiungere l'Oasi di Kargha

Come raggiungere l'Oasi di Dakhla

Sebbene la capitale, Kharga, non sia una città molto pittoresca, le principali attrazioni dell’oasi si trovano a Kharga e nei suoi dintorni. Soprattutto a nord di questa oasi, dove si trova il grande gioiello turistico di questa oasi: la tempio di Hibis. Costruito nel periodo tardo, intorno al VI secolo a.C., era dedicato alla triade tebana (Ra, Mut e Jonsu). Questo dimostra l’influenza culturale di quella che è stata per lungo tempo la capitale politica e religiosa dell’Egitto, che non è troppo lontana dalla oasi di Kharga.

In realtà, il tempio di Hibis è stato costruito sopra un tempio più antico, risalente all’epoca del Nuovo Impero, quando qui esisteva un’altra città chiamata Hibis. Ciò che si conserva ancora oggi, e che è quindi visitabile, è il camminamento processionale con piloni che conduce alla sala ipostila, lo spazio più bello grazie alle sue colonne con capitelli a forma di papiro. Su diverse pareti del complesso si trovano bassorilievi con rappresentazioni di altre divinità come Seth e Osiride.

Molto vicino a questo sito si trova un altro punto di interesse, la necropoli di Al-BagawatLe tombe del periodo cristiano, con muri, colonne e altri resti delle loro costruzioni originali, tutte in adobe, sono ancora in piedi. All’interno di alcuni edifici, che ornano le umili cupole, si trovano decorazioni murali con temi biblici. Nonostante sia in rovina, è considerato un sito di grande valore per la comprensione dei riti funerari del primo cristianesimo.

Ancora più deteriorato è il monastero di Deir al-Kashefsituato in un sito più alto a nord di Al-Bagawat. Tuttavia, è facile capire che da qui partiva la vicina via carovaniera attraverso la oasi di Kharga, È stata costruita sul sito di una fortezza romana. È chiamata anche Deir Mustafa, dal nome di un esattore delle tasse in epoca ottomana.

Il Museo di antichità di Kharga espone proprio pezzi recuperati da questi siti archeologici, oltre che da altre campagne condotte nell’oasi di Dakhla, che fa parte del Governatorato di Nuevo Valle. L’edificio, di costruzione moderna, presenta una facciata con archi a sesto acuto che ricorda senza dubbio quella di al-Bagawat. Su due piani sono esposti strumenti, utensili e oggetti d’arte preistorici, dalla preistoria all’epoca ottomana.

Altri luoghi d'interesse a Kharga Oasis

Oltre a questa concentrazione di attrazioni storico-artistiche nell’area del capoluogo, il resto dell’oasi di oasi di Kharga Anche altre vestigia sono conservate, in diversi stati di conservazione. La maggior parte di essi sono i resti di fortificazioni erette in epoca greco-romana e rappresentano un interessante esempio della sicurezza che si voleva garantire a questa via carovaniera all’epoca:

  • Ain Um Dabadib: una fortezza romana immersa nell’altura del deserto, a più di 20 km a nord-ovest della città di Kharga. Ad esso era associato un acquedotto molto complesso. Arrivare qui non è facile, a causa della sua lontananza e della sua posizione isolata in un paesaggio aspro, quindi è essenziale farlo in compagnia di una guida esperta e di un veicolo 4×4 in perfette condizioni.
  • Qsar al-Ghueita: all’interno del suo recinto si trovava un tempio di epoca tolemaica, anch’esso dedicato alla triade tebana.
  • Qsar Al-Zayyan: periodo romano
  • Qsar Al-Dush: un’altra fortezza romana, in questo caso con un cimitero e due templi, uno in adobe e l’altro in pietra calcarea.

Come raggiungere l'Oasi di Kharga

Come raggiungere l’Oasi di Kharga sono proprio quelli delle antiche vie carovaniere. Quindi, se partite dalla Valle del Nilo, avete due ottime opzioni:

  1. Dal Medio Egitto: partendo da Asiut sulla strada 60, la distanza è di circa 230 km e la durata è di circa 3 ore.
  2. Dall’Alto Egitto: si può partire da una di queste due città:
    1. Luxor: la città che oggi ospita i resti dell’antica Tebe, capitale durante il Medio e il Nuovo Impero e culturalmente influente nell’oasi di Kharga. oasi di Kharga. Dista circa 330 km e richiede circa 4 ore di viaggio.
    2. Esna: un’altra città strettamente legata commercialmente e culturalmente all’oasi di Kharga. oasi di Kharga. Oggi è un punto di partenza o di arrivo per molte crociere sul Nilo, quindi una visita all’oasi può essere considerata un’interessante escursione da qui. Sono circa 340 km e 4 ore di viaggio.

Da queste proposte si evince che il veicolo privato su strada è l’unico mezzo di trasporto praticabile per organizzare un itinerario turistico attraverso l’oasi di Kharg.a. I servizi di autobus e minibus sono prettamente locali, l’aeroporto esistente non è gestito dall’aviazione commerciale e il vecchio Safaga-Qena-Oasi di Kharga è rimasta inattiva per anni a causa di numerosi problemi operativi.

Per questo motivo vi consigliamo di affidarvi a un’agenzia professionale come la nostra per organizzare il vostro viaggio all’Oasi di Kharga.. Non solo potrete godere di un’esperienza più confortevole e personalizzata, con servizi su misura, ma è anche l’opzione più sicura.È importante non perdere di vista il fatto che il deserto è un habitat ostile che, se affrontato in autonomia e senza esperienza, può aggravare il rischio di qualsiasi imprevisto. Mettetevi nelle mani di Egipto Exclusivo per assicurarvi che il vostro programma si svolga secondo i piani!

Pianifica il tuo viaggio a Kharga

Godetevi le esperienze
Godetevi le esperienze
Cambiare la valuta (solo in Spagna)
Cambiare la valuta (solo in Spagna)
Vuelos muy baratos Kharga
Voli molto economici
Noleggiate la vostra auto
Noleggiate la vostra auto
Abbonamento al Wifi o al telefono
Abbonamento al Wifi o al telefono

Potreste essere interessati anche a