Santa Caterina

Oasi di Santa Caterina, Egitto: tutte le informazioni per il viaggio

L’Oasi di Santa Caterina in Egitto, detta anche Oasi di Santa Caterina Il Monte Sinai è l’oasi più famosa della Penisola del Sinai. Sebbene non sia caratterizzato dal verde improvviso delle oasi del deserto occidentale, presenta altre caratteristiche che lo rendono molto attraente. Sia a livello naturale che a livello storico, culturale e, soprattutto, religioso.

Per questo motivo, Egipto Exclusivo organizza viaggi nell’oasi di Santa Catalina.oasi di Santa Catalinacon programmi e servizi su misura. In queste righe vi raccontiamo, a grandi linee, le sue principali attrazioni e altre informazioni pratiche che vi aiuteranno a farvi un’idea del luogo. Se avete intenzione di visitare questo luogo simbolico e unico, affidatevi alla nostra agenzia!

Indice dei contenuti

Dove si trova e come si presenta l'oasi di Santa Catalina

La posizione dell’Oasi di Santa Caterina in Egittoè davvero unico. Si trova ai piedi della catena montuosa della penisola del Sinai.a sud di essa. Qui si trovano le montagne più alte del Paese, sia il Monte Catalina (2.629 m) che il mitico Monte Sinai (2.285 m), dove Dio diede le tavole dei Dieci Comandamenti a Mosè, secondo l’Antico Testamento. Qui vivono poche migliaia di abitanti, in un insediamento che è nato e si è sviluppato, in gran parte, al calore del Monastero di Santa Catalina e del turismo che ha generato.

L’oasi di Santa Catalina è molto diverso dagli altri in Egitto, situato nel Deserto Occidentale. Nel primo caso, l’accumulo di acqua è sotterraneo, immagazzinato in falde acquifere dopo la desertificazione del Sahara. Ma in questo caso la presenza di piccoli corpi idrici è più sporadica ed è legata all’esistenza di sorgenti naturali nelle montagne del Sinai. Anche con le precipitazioni che, sebbene poco frequenti, si verificano talvolta ad alta quota e possono anche essere sotto forma di neve, in situazioni del tutto eccezionali.

Il rilievo roccioso fa sì che il ruscellamento venga prodotto e immagazzinato in regoliti, creando piccole pozze d’acqua e rendendo questo luogo un po’ meno inospitale. E questo permette la crescita naturale di una certa vegetazione, molto localizzata nei wadi (corsi d’acqua secchi), dove si verifica questo deflusso.

Un’altra differenza tra l’oasi di oasi di Santa Catalina e quelli dell'”Egitto africano” è che, fortunatamente per il viaggiatore, non è così lontano da altri luoghi di interesse. Infatti, come vedremo di seguito, è comune visitare quest’area come escursione da destinazioni di vacanza sul Mar Rosso come

Sharm el-Sheikh.

Cosa vedere nell'Oasi di Santa Caterina in Egitto

Se siete in viaggio verso l’Oasi di Santa Caterina in EgittoIl monastero sarà al centro dell’attenzione. Tuttavia, potete anche approfittare del vostro soggiorno per fare escursioni in altri luoghi dei dintorni, sia di natura naturale che storico-archeologica. Queste sono alcune delle proposte.

Cosa vedere nel Monastero di Santa Catalina

Monastero di Santa Catalina

È il monumento religioso che dà significato all’oasi di Santa Catalina.. Egitto non solo ha qui uno dei suoi monasteri più importanti, ma anche uno dei luoghi più sacri per i cristiani. Ecco perché tante persone vengono a visitare questo gioiello della penisola del Sinai meridionale, situato ai piedi del Monte Sinai.

Come suggerisce il nome, è strettamente legata a Caterina d’Alessandria, martirizzata in quella città mediterranea nel IV secolo. E sebbene la distanza tra il luogo del martirio e questo monastero sia di oltre 600 km, il suo corpo si trova qui perché, secondo le credenze cristiane, è stato trasportato dagli angeli.

Qui esisteva già un monastero, risalente al VI secolo all’epoca dell’imperatore Giustiniano, dove secoli prima l’imperatrice Sant’Elena aveva fatto costruire una cappella per commemorare un altro episodio biblico che coinvolgeva Mosè, quello del roveto ardente. L‘aspetto da fortezza ne accresce il carattere inespugnabile e l’atmosfera appartata.

Se si viaggia verso l’oasi di Santa Catalinauna visita al suo interno è praticamente d’obbligo. In questo modo, scoprirete uno dei monasteri più importanti di tutta la cristianità, e anche uno dei più belli del Paese. E questo è tutto dire, perché in Egitto ci sono altri monasteri di grande interesse sparsi per le regioni, come il monastero di Sant’Antonio Abate nel deserto orientale.

Questi sono i luoghi più importanti del monastero, anche se non tutti sono accessibili al pubblico:

  • Basilica della Trasfigurazione: l’unico edificio a cui è consentito l’accesso. L’abside è riccamente decorata con un mosaico della Trasfigurazione di Cristo. La sua splendida collezione di icone, alcune delle quali risalgono al V secolo, è affascinante e solo un piccolo campione è esposto.
  • La biblioteca, che è il vero gioiello del tempio, è considerata la seconda biblioteca più grande del mondo con il maggior numero di manoscritti cristiani, dopo quella del Vaticano. È in corso la catalogazione, l’archiviazione e la digitalizzazione dei manoscritti, che sono più di 3.300 in 11 lingue. Inoltre, ci sono più di 20.000 libri e altri volumi stampati, che solo pochi fortunati possono vedere.
  • Pozzo di Mosè: anche questa struttura ha un grande significato storico e religioso, dove, secondo la credenza cristiana, il patriarca incontrò la sua futura moglie, Sephora.
  • Il roveto ardente: vicino al pozzo di Mosè si trova il roveto ardente. In realtà è considerata un ramo dell’originale, che secondo il racconto biblico bruciò ai piedi del Monte Sinai mentre il patriarca si occupava delle pecore del gregge di suo suocero, Jethro.
  • Moschea: promossa dai beduini musulmani al servizio dei monaci, è un insolito e bellissimo esempio di convivenza religiosa, che potrebbe aver contribuito a far sì che il monastero fosse più rispettato nel corso dei secoli.

Monte Sinai

Ma se c’è un luogo sacro accanto all’oasi di Santa Catalinache è il Monte Sinai. Per questo motivo molte persone vengono qui, non come turisti religiosi ma talvolta come pellegrini, per vedere il luogo esatto in cui Dio diede a Mosè la tavoletta dei Dieci Comandamenti, secondo la Bibbia. Ed è anche per questo che
dedichiamo una pagina specifica
a questo spazio dove la natura si fonde con il misticismo.

Oasi di Wadi Feiran

Si trova a circa 55 km dall’oasi di oasi di Santa Catalinache si raggiunge in circa 50 minuti. Si tratta di una delle oasi più importanti della penisola del Sinai meridionale e quindi è un’ottima escursione dall’oasi diOasi di Santa Caterina se avete intenzione di fermarvi qui per diversi giorni. Oltre che per la sua peculiarità naturale, più consona a ciò che ogni viaggiatore ha in mente quando pensa a un’oasi, è interessante per il suo significato religioso: Mosè, assetato sulla via dell’esodo con il suo popolo, scoprì come una pietra si spaccasse per offrire acqua alla spedizione. Vi si trovano anche resti archeologici del periodo cristiano, un modesto monastero chiamato “delle Sette Ragazze” e un’altura naturale, il Jabel Tehuna, da cui si ritiene che Mosè abbia assistito alla battaglia tra Amaleciti e Israeliti.

Serabit el-Khadim

Sebbene la penisola del Sinai non sia così ricca di siti archeologici dell’Antico Egitto come località “periferica”, gli amanti di questa civiltà troveranno un’interessante proposta non lontano dall’ Oasi di Santa Caterina. Si tratta di Serabit el-Khadim, che è molto singolare, in quanto mostra un’operazione mineraria utilizzata fin dai tempi del Medio Regno per ottenere il turchese. Per questo motivo, aveva un tempio religioso in cui si venerava Baalat, la dea di questo minerale, tra le altre divinità. Si conservano pilastri e conci di pietra con rilievi decorativi.

Percorsi naturalistici nei dintorni

Gli appassionati di escursionismo potranno praticare qui la loro attività preferita, poiché le montagne di questa catena sono ideali per questo tipo di attività. Tuttavia, è essenziale affidarsi a una guida o a un istruttore professionista, poiché la conoscenza della zona è fondamentale per evitare incidenti. Per organizzare un piano di questo tipo nella oasi di Santa Catalina, Egipto Exclusivo può aiutarvi. In ogni caso, questi sono alcuni dei percorsi che possono essere menzionati, oltre all’ascesa del Monte Sinai:

  • Monte Catalina
  • Wadi Talla
  • Wadi Jebal
  • Gabal Abass
  • Gabal El-Ahmar
  • Bab Donya
  • Wadi Arbe’in

Come raggiungere l'Oasi di Santa Caterina in Egitto

Come raggiungere l’oasi di Santa Catalina autonomamente con i mezzi pubblici è a dir poco un’odissea. Non dobbiamo dimenticare che si tratta di un insediamento con una popolazione molto ridotta, quindi la rete di trasporto qui non è sviluppata come in altri luoghi dove la densità di popolazione è maggiore.

A questo proposito, anche se c’è l’aeroporto internazionale di Santa Catalina, situato a soli 20 km dall’oasi di Santa Catalina.è chiuso e non ha una data di riapertura prevista. Inoltre, la zona non è servita da alcuna linea ferroviaria. Le linee di autobus regolari non passano da qui, ma si limitano a collegare le destinazioni turistiche sulla costa del Mar Rosso tra loro o con le altre principali città del Paese. L’unico autobus che si può menzionare è quello che collega il villaggio al monastero, ma la sua scarsa frequenza e la mancanza di comfort lo rendono un’opzione poco pratica.

Pertanto, è assolutamente necessario noleggiare un servizio di trasporto privato su strada, preferibilmente con un autista e una guida che conosca la zona. In questo modo, l’organizzazione del viaggio è molto più semplice, perché si può prendere come riferimento il principale aeroporto della penisola del Sinai: l’aeroporto di Sharm El-Sheikh. che, come vi abbiamo detto nella sua Paginaè ben collegata al resto del Paese e alle altre parti del mondo.

In sintesi, per scoprire l’oasi di Santa Caterina d’Egitto si possono scegliere due opzioni:

  1. Raggiungete il villaggio di Santa Catalina, accanto al Monastero, e soggiornate in uno dei suoi hotel per scoprire a fondo questa attrazione turistica e percorrere itinerari nei dintorni.
  2. Per pianificare la vostra visita all’Oasi di Oasi di Santa Caterina come escursione dalla vostra destinazione di vacanza, come ad esempio Sharm El-Sheikh

Qualunque sia la vostra scelta, potete contare su Egipto Exclusivo per organizzare ogni minimo dettaglio del vostro viaggio. Creeremo un programma su misura, con i migliori servizi e i professionisti più qualificati per garantirvi un’esperienza indimenticabile. Contattateci!

Pianifica il tuo viaggio a Santa Catalina

Godetevi le esperienze
Godetevi le esperienze
Cambiare la valuta (solo in Spagna)
Cambiare la valuta (solo in Spagna)
Vuelos muy baratos Santa Caterina
Voli molto economici
Noleggiate la vostra auto
Noleggiate la vostra auto
Abbonamento al Wifi o al telefono
Abbonamento al Wifi o al telefono

Potreste essere interessati anche a