Dakhla

Oasi di Dakhla: cosa vedere, dove trovarla e informazioni per organizzare il viaggio

L’oasi di Dakhla è probabilmente il più pittoresco di tutti quelli che l’Egitto possiede nel suo deserto occidentale. Sia per il suo paesaggio di palmeti e coltivazioni tra le dune, sia per i monumenti che, seppur umili, sono ancora in piedi e ci permettono di capire l’architettura tipica della zona. Pertanto, includendo il Oasi di Dakhla in un viaggio in Egitto può essere un’ottima idea se siete desiderosi di conoscere un habitat naturale tanto diverso quanto affascinante. Per organizzare il vostro viaggio, potete contare sull’aiuto di Egipto Exclusivo. Vi forniremo tutti i servizi necessari per vivere questa esperienza in tutta comodità e sicurezza!

Indice dei contenuti

Dove si trova l'oasi di Dakhla?

L’oasi di Dakhla è uno dei più meridionali dell’Egitto. È praticamente allineato con quello di
Kharga
e con la città di
Luxor
Pertanto, a una latitudine di 25ºN, più o meno. Tra le principali città della Valle del Nilo, la più vicina è Luxor, a circa 400 km in linea d’aria, che risultano essere poco più di 500 km su strada. Le distanze dalle altre oasi più vicine sono Farafra (300 km a nord-ovest) e Kharga (170 km a est).

In realtà, l’oasi di Kharga è costituito da diversi piccoli insediamenti sparsi. La popolazione totale di tutti gli insediamenti è di circa 90.000 persone. Questi includono El Qsar, Balat, Bashandi, Mut (il più grande) e El-Rashda. Il vostro lago, tra l’altro, si trova tra gli ultimi due.

Come raggiungere l'Oasi di Dakhla

Cosa vedere nell'Oasi di Dakhla

Le attrazioni dell’oasi di Dakhla sono distribuiti nei loro diversi insediamenti, ognuno con un carattere diverso. Pertanto, di seguito li organizziamo in questo modo.

Al Qsar

Situato nella parte settentrionale dell’oasi di Dakhlaalcuni angoli sembrano essere stati congelati nel tempo. In particolare, in epoca medievale, dato che alcune strutture risalgono al X secolo. Il minareto di una moschea in adobe, costruita nel XII secolo, si staglia sul borgo. Un altro dettaglio interessante dell’architettura popolare di El Qsar sono gli architravi in legno che si possono vedere in alcune case basse, dove è inciso un versetto del Corano.

Alla periferia di Al-Qsar si trova anche una necropoli di epoca greco-romana.. Si possono visitare solo alcune tombe, dove colpiscono le decorazioni o i murales, ma soprattutto gli spazi pieni di mummie. Un’immagine suggestiva che, in realtà, ci permette di immaginare come fossero realmente i riti funerari dell’antichità, con tombe in cui venivano deposti più defunti contemporaneamente.

Dello stesso periodo è probabilmente il tempio più interessante di tutta l’oasi di Dakhla: quello dellaoasi: quello di Deir A-HaggarDedicato agli dei Amun-Ra, Mut e Jonsu. La sua costruzione risale all’epoca di Nerone e le sue pareti contengono riferimenti a vari imperatori romani. È stata riportata alla luce e restaurata nel corso del XX secolo.

Cosa vedere nell'Oasi di Dakhla

Balat

Un piccolo villaggio con un centro pittoresco, che ricorda anche il Medioevo. E ancora, l’edificio più emblematico è la sua moschea. Il museo etnografico è dedicato agli usi e costumi della regione. Oasi di Dakhla ed edifici tradizionali come una madrasa con blocchi di pietra del periodo faraonico. Negli ultimi anni, tuttavia, gli edifici più vecchi sono stati abbandonati a favore di quelli più nuovi e confortevoli.

El Bashandi

In una situazione simile si trova il villaggio di El Bashandi, situato a una svolta sulla strada che esce da Balat. Alla periferia di El Bashandi si trovano anche diversi siti archeologici di epoca faraonica: la Tomba di Kitines e le Tombe di Qila El Daba. Tra queste, con le mastabe dell’Antico Impero, spicca quella di Khentika, governatore al tempo di Pepi II. La sua struttura interna è stata completamente scoperta, a forma di tribuna. Nelle camere interne sono ancora conservate pitture murali.

Altri villaggi dell'oasi di Dakhla

Mut è la popolazione più numerosa dell’oasi di Dakhla. e, sebbene non abbia monumenti degni di nota, possiede alcuni bacini di acqua termale a circa 3 km dal centro della città. Il suo nome: Mut Talata. Queste non sono le uniche sorgenti legate all’oasi di Dakhla. Infatti, si possono citare anche altri nella zona, come Bir Gebel.

Alla periferia di Ismantsi trova anche un altro interessante sito archeologico chiamato Kellis, che fu un piccolo villaggio dal periodo greco-romano a quello bizantino. Sono stati infatti ritrovati i resti di un tempio in onore del dio egizio Tutu, oltre a diverse chiese cristiane.

Come raggiungere l'Oasi di Dakhla

L’oasi di Dakhla è uno dei più appartati e isolati dell’Egitto. Questo può essere interpretato come un vantaggio che ha preservato la sua unicità. Ma anche come svantaggio in termini di come arrivarci. Anche se è possibile vedere riferimenti all’aeroporto di Dakhla, situato a sud di Mut, questa umile infrastruttura è in pratica una pista con strutture tecniche di base, che non prevede voli di linea e spesso non è operativa.

Non troverete nemmeno un servizio ferroviario passeggeri e l’autobus non è un’opzione praticabile: i servizi pubblici di taxi o minibus sono utilizzati solo dai cittadini locali, con una dinamica di frequenze e fermate che solo loro padroneggiano correttamente.

Per questo motivo, l’opzione più consigliata per i turisti è il veicolo privato con autista. La nostra agenzia può metterne uno al vostro serviziocon gli orari e la disponibilità di cui avete bisogno. Se avete intenzione di visitare il Oasi di DakhlaSe avete intenzione di visitare le oasi del Deserto Occidentale, dovreste prendere in considerazione l’opzione del circuito delle oasi del Deserto Occidentale, poiché la loro lontananza rende impraticabile una gita di un giorno… a meno che non si parta da un’altra oasi vicina, come quella di Kharga.

Ecco un elenco di distanze e tempi per farsi un’idea:

  • Luxor-Dakhla: 530 km e 7 ore di viaggio
  • Asiut-Dakhla: 430 km e 5,5 ore di viaggio
  • Cairo-Dakhla: 800 km e 9,5 ore di guida
  • Oasi di Kharga-Dakhla: 190 km e 2,5 ore di auto
  • Oasi di Farafra-Dakhla: 280 km e 3,5 ore di auto
  • Oasi di Bahariya-Dakhla: 460 km e 5,5 ore di guida

Pertanto, un’auto privata con autista non è solo un’opzione comoda, ma anche quasi obbligatoria per evitare contrattempi e perdite nell’oasi di Dakhla.. Scoprite in cosa consiste questo servizio e lasciatevi guidare da un’agenzia con una vasta esperienza di viaggi nelle oasi del paese!

Pianifica il tuo viaggio a Dakhla

Godetevi le esperienze
Godetevi le esperienze
Cambiare la valuta (solo in Spagna)
Cambiare la valuta (solo in Spagna)
Vuelos muy baratos Dahkla
Voli molto economici
Noleggiate la vostra auto
Noleggiate la vostra auto
Abbonamento al Wifi o al telefono
Abbonamento al Wifi o al telefono

Potreste essere interessati anche a