Oasi d'Egitto

Quali sono le Oasi e come si presentano. Tutte le informazioni per il vostro viaggio

Le oasi dell’Egitto appaiono, come per magia, nel bel mezzo dell’inesorabile deserto. Un paesaggio naturale che ha affascinato l’uomo fin dall’antichità, tanto che Erodoto le chiamò “isole sacre”. In questa sezione vi illustriamo quali sono le Le oasi dell’Egittodove si trovano e, cosa più importante per il vostro viaggio, cosa potete visitare. La nostra agenzia elaborerà per voi un programma di viaggio su misura, visitandone diversi o soggiornando in uno di essi, che vi servirà come base per scoprire altri luoghi di interesse nei dintorni.

Indice dei contenuti

Quali sono le oasi in Egitto e come si presentano?

Oggi le oasi egiziane ci vengono presentate come isole di vegetazione circondate dal deserto più arido. Tuttavia, non è sempre stato così. O almeno non esattamente. Migliaia di anni fa, l’attuale deserto era più simile a una savana dove le sorgenti naturali e i corsi d’acqua non erano così rari e le precipitazioni non erano così straordinarie.

Tuttavia, il graduale riscaldamento del clima ha provocato l’inaridimento estremo dell’intera area, eliminando praticamente ogni traccia di acqua superficiale. Tuttavia, nel sottosuolo sono rimaste importanti falde acquifere, che in alcuni punti emergono naturalmente e vengono sfruttate dall’uomo attraverso i pozzi, grazie alla porosità del terreno.

In un ambiente così arido, le oasi dell’Egitto sono rimasti come isole di vegetazione attorno alle quali si sono stabilite popolazioni di diverse dimensioni. E sebbene le condizioni di vita possano sembrare estreme, a volte hanno goduto di grande prosperità. Questo perché erano una grande necessità per le carovane beduine del deserto, che erano costrette a fermarsi durante i loro lunghi viaggi.

Inoltre, nelle oasi si svolgevano attività di intermediazione e di stoccaggio, che lasciavano più spazio di manovra e di profitto agli abitanti delle oasi. oasi. Egitto qui c’erano dei veri e propri “caselli” vecchio stile! E la base di questi percorsi è l’attuale rete di strade che collegano le oasi dell’Egitto. oasi dell’Egitto tra di loro.

Si trattava di soste obbligate che talvolta erano obbligatorie anche per le spedizioni organizzate dagli stessi faraoni. I beni di lusso, come oro, ebano, avorio o minerali preziosi, erano ricercati. E la sua pianificazione è sempre stata fatta tenendo conto della posizione della Le oasi dell’Egitto.

Oltre a questa importanza economica, il Le oasi dell’Egitto Erano anche importanti dal punto di vista geostrategico, soprattutto quelli situati nel Deserto Occidentale, noto anche come Deserto Libico: rappresentavano una frontiera con i loro vicini occidentali, gli Hyksos, che rappresentavano una minaccia reale, come dimostrato dalla loro conquista del Paese nel Secondo Periodo Intermedio.

Per tutti questi motivi, le oasi d’Egitto non erano entità indipendenti e non sono mai stati considerati territori “stranieri”, ma erano sotto il dominio e il controllo dei faraoni. Nei primi tempi (Antico Impero), quando la capitale era a Tebe o a Memphis, erano gestite direttamente dall’amministrazione centrale. E in seguito, a partire dal Medio Regno, ebbero i loro amministratori.Tebe (l’attuale Luxor), ma sempre controllata dalla capitale,
Tebe (attuale Luxor)
.

D’altra parte, a causa della sua posizione isolata e quasi inaccessibile, la Le oasi dell’Egitto erano presentati come luoghi ideali per l’esilio degli oppositori dei faraoni, di cui esistono alcuni esempi documentati. Al giorno d’oggi, anche molte persone sono “esiliate” al loro interno, ma in un modo molto diverso: viaggiando verso il Le oasi dell’Egitto è un modo imbattibile per staccare la spina dallo stress della vita quotidiana e ritrovare la pace e la tranquillità tanto desiderate in vacanza.

Percorso 4x4 attraverso il deserto egiziano

Cosa sono le oasi dell'Egitto?

È difficile quantificare il numero esatto di oasi in Egitto.Ma in termini di turismo (che è quello che interessa ai lettori-viaggiatori come voi), non ce ne sono molti. La maggior parte di essi si trova nel deserto occidentale o libico, anche se in punti geograficamente molto distanti. Meno numerosi e meno rigogliosi sono quelli a est del fiume Nilo: nel Deserto Orientale o Arabico, tra il Nilo e il Mar Rosso, non ce ne sono di eccezionali, ma ce n’è uno che merita la nostra attenzione nella Penisola del Sinai, che è di fatto l’estensione naturale del Deserto del Sinai. Vediamo

Oasi di El Fayum

È la più grande delle oasi egiziane, la più vicina al Cairo e la più legata al fiume Nilo. In realtà, ha una storia e uno sviluppo propri, con uno stretto legame con le vicende dell’Antico Egitto. Oggi è uno dei luoghi di fuga preferiti dai cairesi. Ad essa e alle sue attrazioni turistiche dedichiamo un’intera pagina.

una pagina intera.

Oasi del deserto occidentale

Diverse centinaia di chilometri a ovest della Valle del Nilo, a una latitudine parallela a quello che viene generalmente considerato il Medio Egitto. Il Medio Egittosono tre delle oasi egiziane oasi d’Egitto in cui la nostra agenzia ha una grande esperienza:


  • Oasi di Bahariya
    L’Oasi di Bahariya ha conosciuto un grande boom turistico grazie alla scoperta relativamente recente della Valle delle Mummie d’Oro. È anche un’ottima base per altre escursioni nella zona, come il Deserto Bianco, il Deserto Nero o le Montagne di Cristallo. Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

  • Oasi di Dakhla
    Oasi di Dakhla: nei dintorni si trovano piccoli villaggi, con vestigia dell‘epoca faraonica e medievale.

    Ecco ulteriori dettagli.

  • Oasi di Kharga (o El Khaliyah): la più grande oasi dell’Egitto. oasi dell’Egitto nel deserto occidentale, con importanti resti del periodo greco-romano e cristiano.

Oltre a queste oasi in EgittoIl

Siwa

si trova molto più a nord e vicino al confine libico. La sua fama è dovuta in gran parte all’oracolo che vi esisteva. Al giorno d’oggi, è un’escursione fattibile dalle destinazioni di vacanza del Mar Mediterraneo, in particolare da

Marsa Matruh.

Oasi della penisola del Sinai: Santa Caterina

Oltre alle oasi egiziane Nel continente africano, la Penisola del Sinai meridionale, più arida e montuosa , merita un viaggio nella Penisola del Sinai desertica. Qui si trova l’ Oasi di Santa Caterina, di grande importanza per il turismo religioso. Si effettuano viaggi di pellegrinaggio al monastero di Santa Caterina e al vicino Monte Sinai, così importante sia per i cristiani che per gli ebrei.

Se volete viaggiare nelle oasi dell’EgittoContatto Egipto Exclusivo. Ci occuperemo dell’organizzazione fin nei minimi dettagliIl programma comprende un’ampia gamma di attività, alloggi sorprendenti, visite tematiche di interesse e servizi su misura, come trasporto e pasti. Affidatevi a un’agenzia con una vasta esperienza nel settore della L’oasi d’Egitto!

Destinazioni che rientrano in quest'area

El Fayum
IL FAYUM

Il Fayum è una regione dell’Egitto nota per la sua ricca storia, gli splendidi paesaggi naturali e i siti archeologici. Si trova a sud-ovest del Cairo ed è famosa per i suoi laghi e le sue oasi, che contrastano con il deserto circostante. La regione ospita numerose piramidi e templi antichi, oltre a opere d’arte rupestre risalenti a migliaia di anni fa. È una destinazione affascinante per gli amanti della storia, della natura e dell’archeologia. Maggiori dettagli sulla nostra pagina dedicata a El Fayum.

Oasi in Egitto
Siwa

Siwa è un’oasi situata nel deserto occidentale dell’Egitto, vicino al confine libico. È nota per i suoi uliveti, le sorgenti d’acqua dolce e l’impressionante paesaggio di dune di sabbia. La cultura e le tradizioni della popolazione locale di Siwan sono uniche e sono rimaste relativamente immutate nel corso dei secoli. Siwa ospita anche il famoso Oracolo di Amon, consultato da Alessandro Magno durante la sua conquista dell’Egitto. Per saperne di più, visitate la nostra pagina dedicata a Siwa.

Dakhla
DAHKLA

Dakhla è una delle cinque oasi del deserto occidentale egiziano e si trova a circa 350 km a nord-ovest di Luxor. È nota per il suo tranquillo ambiente naturale, che comprende dune di sabbia, palmeti e sorgenti termali. Dakhla ospita anche diversi monumenti storici, tra cui il Tempio di Deir el-Hagar e il villaggio islamico medievale di Al-Qasr. Ulteriori informazioni su Dakhla sono disponibili nella nostra pagina dedicata.

Oasis de Kharga
KHARGA

Dendera, situata a nord di Luxor, è nota per il Tempio di Hathor, una delle strutture meglio conservate dell’Egitto. Hathor, dea dell’amore e della gioia, è raffigurata come una mucca o una donna con la testa di mucca. Il complesso del tempio comprende un lago sacro, diverse cappelle e un impressionante zodiaco astronomico sul tetto di uno dei portici. Per maggiori informazioni, visitate la nostra pagina Dendera.

Monte Sinai
SANTA CATALINA

L’Oasi di Santa Caterina, situata nella Penisola del Sinai, è un luogo tranquillo e mistico, famoso per lo storico Monastero di Santa Caterina, uno dei più antichi monasteri del mondo. L’oasi è circondata da montagne desertiche ed è un luogo di pellegrinaggio per cristiani, ebrei e musulmani. È anche un popolare punto di partenza per le escursioni al Monte Sinai. Per maggiori informazioni, visitate la nostra pagina dedicata a Santa Catalina.

Excursión al desierto blanco desde Farafra
FARAFRA

L’oasi di Farafra, situata nel deserto occidentale dell’Egitto, è la più isolata di tutte le oasi egiziane. È famosa per il suo splendido paesaggio desertico, tra cui le bianche formazioni rocciose calcaree del Deserto Bianco. Il piccolo villaggio di Farafra offre uno spaccato unico della vita nel deserto e i suoi abitanti sono noti per la loro ospitalità. Per maggiori dettagli, visitate la nostra pagina dedicata a Farafra.